Tiscali.it
SEGUICI

La bolla del Mississippi. Quando i francesi persero la fiducia nello Stato

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   

Questo è FINANZA OSCURA il Podcast di Tiscali Risparmio che racconta le crisi e le truffe finanziarie più importanti della storia In questa puntata parleremo della BOLLA DEL MISSISSIPPI, una delle più antiche e importanti nella storia del capitalismo ma, a differenza di quella olandese dei Tulipani , poco nota al grande pubblico. Avvenne in Francia tra il 1717 e il 1720 e fu innescata dai piani finanziari dell'economista e avventuriero scozzese John Law.

Il lungo regno e le guerre di Luigi XIV avevano quasi mandato in bancarotta la monarchia francese. Piuttosto che ridurre la spesa, il duca d'Orléans , reggente di Luigi XV, decise di affidarsi alle innovative teorie monetarie di John Law che auspicavano la sostituzione delle monete metalliche in oro e argento con la moneta cartacea, all’epoca ancora inutilizzata.

Per risanare le finanze pubbliche francesi e favorire  l’introduzione della carta moneta Law intraprese una serie di misure poi passate alla storia come Sistema di Law o Sistema del Mississippi.

La prima misura nel 1716 fu la fondazione della Banque Générale, una banca commerciale privata che sarebbe diventata in seguito una sorta di banca centrale e la cui funzione principale era di emettere banconote in sostituzione della moneta metallica in circolazione. Queste banconote erano riconosciute dallo Stato francese come forma di pagamento delle imposte.

La seconda misura introdotta da John Law fu, nel 1717, il consolidamento delle compagnie coloniali commerciali francesi in un'unica società, la Compagnia delle Indie, nota anche come Compagnia del Mississippi. Questa società deteneva il diritto esclusivo di sfruttare le risorse minerarie e agricole della colonia francese della Louisiana.

La Compagnia del Mississippi fu coinvolta nella gestione del debito pubblico. I detentori di titoli di Stato potevano convertirli in azioni della Compagnia. Ad incentivare questo scambio erano le aspettative sui guadagni futuri della società e dunque le aspettative su un rialzo del valore delle azioni.

La terza misura introdotta la John Law fu quella decisiva per l’innesco della bolla speculativa. Il finanziere scozzese utilizzò la carta moneta emessa dalla Banque Générale per acquistare azioni della Compagnia del Mississippi che vide lievitare le proprie quotazioni. Il rialzo dei prezzi in poco tempo rese ricchi molti francesi e questo inevitabilmente alimentò un’ondata speculativa che fece crescere il valore dei titoli azionari della compagnia da 500 a 10 mila lire francesi.

Ma nel 1720 le contraddizioni delle teorie finanziarie di John Law vennero a galla. L’emissione di carta moneta da parte della Banque Générale fece raddoppiare la massa monetaria francese facendo esplodere l’inflazione che a gennaio del 1720 raggiunse un tasso mensile del 23%. Dall’altro lato la Compagnia del Mississippi non fu mai in grado di generare profitti tali da giustificare il forte rialzo dei valori azionari.

Fu l’inizio dello scoppio della bolla. Nel corso del 1720 il prezzo delle azioni sprofondò raggiungendo a dicembre la quotazione di 1000 lire francesi, con una correzione del 90% rispetto al valore massimo. Ma la caduta proseguì anche oltre e a settembre del 1721 le azioni della Compagnia del Mississippi tornarono a valere 500 lire, ovvero il prezzo iniziale.

Lo scoppio della bolla non si limitò a rovinare finanziariamente chi aveva creduto nelle potenzialità della Compagnia del Mississippi scambiando i titoli di debito della monarchia o acquistando azioni della società. Portò a una diffusa sfiducia nello Stato francese e a una diffidenza in Francia  verso la cartamoneta per tutto il XVIII secolo, ritardando così l’innovazione finanziaria necessaria allo sviluppo economico.

A dicembre del 1720 John Law cadde in rovina. Le sue ricchezze vennero confiscate e lui riuscì a trovare riparo prima a Bruxelles poi a Venezia, dove visse fino alla morte sostenendosi con il gioco d’azzardo.

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   
I più recenti
Una terribile indiscrezione del Financial Times fa venire i brividi a Giorgia Meloni. Cosa sta...
Una terribile indiscrezione del Financial Times fa venire i brividi a Giorgia Meloni. Cosa sta...
La Bce taglia i tassi di interesse: ecco di quanto scendono le rate del mutuo
La Bce taglia i tassi di interesse: ecco di quanto scendono le rate del mutuo
La classe media tradita dal mattone: cosa emerge dai dati di Bankitalia
La classe media tradita dal mattone: cosa emerge dai dati di Bankitalia
Quanti soldi bisogna guadagnare per essere felici? La risposta della scienza
Quanti soldi bisogna guadagnare per essere felici? La risposta della scienza
Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

La Finanza Amichevole

Il progetto "La finanza amichevole" nasce da un'idea di Alessandro Fatichi per...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo degli investimenti