Tiscali.it
SEGUICI

Quanti sono gli italiani che hanno un'educazione finanziaria adeguata? Il dato sorprendente

L'educazione finanziaria in Italia, seppur in crescita, rimane una sfida

La Finanza Amichevoledi La Finanza Amichevole   

Torniamo sul tema inerente l’educazione finanziaria, in Italia è ancora molto trascurato. Secondo i dati OCSE, solo il 30% della popolazione italiana ha un'adeguata alfabetizzazione finanziaria. Questo significa che molte persone non hanno le competenze necessarie per gestire in modo consapevole le proprie finanze, con conseguenze negative per la loro vita personale, professionale e per la comunità in generale.

Un’indagine svolta triennalmente dalla Banca d’Italia mostrava nel 2020 come gli italiani abbiano in media una conoscenza finanziaria, come somma di conoscenza, comportamento e attitudine collegati al settore a malapena sufficiente. Con un punteggio di 10,2 che ci collocava come uno dei fanalini di coda fra i 23 paesi parte dell’OCSE che hanno partecipato a tale indagine, davanti solo a Malta in termini di punteggio.

Per l’indagine di quest’anno non sono ancora stati pubblicati i dati degli altri stati partecipanti come metro di paragone, ma il 10,6 ottenuto non lascia ben sperare riguardo una buona posizione per gli standard dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico.

Ad onor del vero, negli ultimi anni si è registrato un crescente interesse per l'educazione finanziaria anche da parte delle istituzioni pubbliche.

A supporto di ciò, basti pensare che il Governo italiano fornisce un portale online riguardante l’educazione finanziaria, chiamato “Quello che conta” e collegato al Dipartimento del Tesoro del nostro Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Si tratta di, citando il portale stesso, “un obiettivo ambizioso che può essere conseguito in una prospettiva di lungo periodo. L’obiettivo corrisponde alla visione a lungo termine scelta dal Comitato: una condizione in cui conoscenza e competenze finanziarie siano disponibili a tutti, perché ciascuno possa costruire un futuro sereno e sicuro.”

Chi ha maggiore conoscenza finanziaria pianifica di più il proprio futuro, risparmia di più ed investe meglio i propri risparmi, si indebita di meno e gestisce meglio il proprio debito.

Al suo interno è possibile trovare consigli e spiegazioni su come comportarsi dal punto di vista finanziario nei vari stadi della propria vita, personale e lavorativa. Dal primo lavoro alla propria pensione, passando per la prima casa e un’eventuale famiglia. Ciascuna sezione trattata con consigli e dati allo scopo di educare le persone verso una gestione attenta e sostenibile dei propri beni.

Anche per i più esperti o i curiosi provenienti da altri settori, si tratta di un luogo dove scoprire anche solo la mera terminologia del settore, data la presenza di un glossario con i termini o le espressioni collegate al mondo economico, finanziario, previdenziale e assicurativo.

L’intera struttura è in linea con la “Visione della Strategia Nazionale elaborata dal Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, il Ministro dell’Economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell’Istruzione, dell’università e della ricerca”, adottando piani rinnovati ogni tre anni contenenti iniziative riguardanti questo ambito, sentendo anche il parere del Parlamento.

Il sito mostra inoltre 5 consigli generali per coloro i quali temono il mondo della finanza:

- Avere cura dei propri soldi, dedicando il tempo adeguato alle proprie finanze.

- Informarsi quanto più possibile prima di prendere una decisione collegata alla finanza, per scegliere e stare meglio.

- Confrontare qualunque prodotto finanziario trovato con altri. Per conto proprio o con l’aiuto di addetti ai lavori.

- Non sentirsi obbligati a firmare per un prodotto o servizio se non è stato appieno compreso di cosa si tratti.

- Non farsi allettare da ipotesi di facili guadagni senza ben ponderare i rischi che potrebbero celarsi, in quanto “più guadagni, più rischi”.

Alcune di queste cose, me le avete già sentite dire in svariati episodi passati. Questo a dimostrazione di come anche le istituzioni stiano mirando a ricordare a noi italiani la strada giusta da intraprendere da un punto di vista finanziario.

Restando all’interno di contenuti forniti nel nostro Stivale, anche la Banca d’Italia fornisce online il sito “L’economia per tutti”. Al suo interno è possibile trovare percorsi formativi sia per gli autodidatta che vogliono conoscere maggiormente la finanza, che progetti didattici fruibili per le scuole secondarie di secondo grado. Anche qui si parla di moltissimi aspetti: dalla banca come entità al conto corrente, passando per la sostenibilità collegata alla finanza. Inclusi contenuti per le persone non udenti o non vedenti, che così possono avere accesso alla propria educazione

Tutto questo, oltre a introduzioni a percorsi formativi sia rintracciabili nell’ambito scolastico come i Percorsi Trasversali per le Competenze e l’Orientamento (PTCO, l’ex alternanza scuola-lavoro), per i più giovani che tanto le istituzioni cercano di attirare, che in collaborazione con realtà di comunicazione statali come la RAI.

Queste iniziative sono un passo importante verso il miglioramento dell'alfabetizzazione finanziaria in Italia. Tuttavia, è necessario un impegno costante da parte di tutte le parti interessate per raggiungere risultati concreti. Sia delle istituzioni, fornendo contenuti costanti e adatti allo scopo, che dal cittadino, volenteroso di apprendere e informarsi sull’argomento, a prescindere da quale sia la sua conoscenza base dell’ambito in questione.

L'educazione finanziaria è una competenza essenziale per la vita di tutti i giorni. Investire in essa significa investire nel futuro di una società più consapevole e responsabile.

Per questo motivo il mio progetto ha l’obiettivo di andare in questa direzione e rendere i concetti ostici alla portata di tutti.

La citazione di oggi è la seguente:

"È facile restare come sei, ma non è facile cambiare. Molte persone scelgono di rimanere le stesse per tutta la vita." 
Robert Kiyosaki

Rendiamo la finanza amichevole, vi aspetto.

Per chi vuole acquistare i libri, il cui ricavato andrà totalmente a favore dell'associazione Dravet Italia:

https://www.amazon.it/kindle-dbs/entity/author/B08FF1ZFV9

Adesso puoi anche dialogare con il mio "Gemello Digitale", per chiedere le informazioni che ti servono in materia di educazione finanziaria. Clicca sul seguente link: Digital Twin

La Finanza Amichevoledi La Finanza Amichevole   
I più recenti
Una terribile indiscrezione del Financial Times fa venire i brividi a Giorgia Meloni. Cosa sta...
Una terribile indiscrezione del Financial Times fa venire i brividi a Giorgia Meloni. Cosa sta...
La Bce taglia i tassi di interesse: ecco di quanto scendono le rate del mutuo
La Bce taglia i tassi di interesse: ecco di quanto scendono le rate del mutuo
La classe media tradita dal mattone: cosa emerge dai dati di Bankitalia
La classe media tradita dal mattone: cosa emerge dai dati di Bankitalia
Quanti soldi bisogna guadagnare per essere felici? La risposta della scienza
Quanti soldi bisogna guadagnare per essere felici? La risposta della scienza
Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

La Finanza Amichevole

Il progetto "La finanza amichevole" nasce da un'idea di Alessandro Fatichi per...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo degli investimenti