Tiscali.it
SEGUICI

L'Europarlamento vara la riforma del mercato elettrico: via libera all'accordo con gli Stati membri

Sarà introdotto un divieto di interruzione della corrente per le persone colpite dalla povertà energetica

TiscaliNews   
Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

Sostegni pubblici per la produzione di energia da rinnovabili e nucleare e potere di dichiarare una crisi dei prezzi in sede di Consiglio: il Parlamento europeo vara la riforma del mercato elettrico dell'Ue, convalidando in plenaria a Bruxelles l'accordo raggiunto con gli Stati membri Ue sul nuovo assetto del mercato energetico dell'Ue. La riforma si compone di un regolamento - adottato con 433 voti a favore, 140 contrari e 15 astensioni - e una direttiva - adottata con 473 voti a favore, 80 contrari e 27 astensioni.

Proposta dalla Commissione europea a marzo 2023 nel pieno della crisi dei prezzi dell'energia, la riforma del mercato elettrico punta a rendere le bollette energetiche più indipendenti dai prezzi di mercato a breve termine e proteggere i consumatori dall'estrema volatilità dei prezzi. Nel nuovo assetto del mercato elettrico i consumatori potranno scegliere se stipulare contratti di energia a prezzo fisso (con durata minima di un anno) o contratti a prezzo flessibile e saranno vietati gli aumenti unilaterali di prezzo nei contratti a tempo determinato.

Sarà introdotto un divieto di interruzione della corrente per le persone colpite dalla povertà energetica. E a dichiarare che l'Unione europea si trova di fronte a una potenziale crisi dei prezzi di gas ed elettricità saranno gli Stati membri al Consiglio, sulla base di una proposta della Commissione: in caso di crisi, i prezzi dell'energia potranno essere regolamentati fino al 70% del consumo di elettricità per le piccole e medie imprese e fino all'80% per le famiglie.

Attraverso contratti ad hoc cosiddetti a due vie - quando ai produttori viene pagato un "prezzo di esercizio" fisso per la loro elettricità, indipendentemente dal prezzo nei mercati dell'energia a breve termine - gli Stati potranno promuovere investimenti in nuovi impianti di energia elettrica rinnovabile (eolica, solare, idroelettrica senza serbatorio, geotermica) e da nucleare. I contratti per differenza potranno invece essere usati per gli impianti esistenti solo quando sono soggetti a ripotenziamento, estensione della vita utile o espansione della capacità (e questo vale anche per le centrali nucleari). Prima di entrare in vigore, la riforma del mercato dovrà essere formalmente approvata anche dal Consiglio.

TiscaliNews   
I più recenti
Case Green, per attuare direttiva Ue in Italia servono fino a mille miliardi
Case Green, per attuare direttiva Ue in Italia servono fino a mille miliardi
Saipem si aggiudica tre contratti in Angola per 3,7 miliardi dollari
Saipem si aggiudica tre contratti in Angola per 3,7 miliardi dollari
Chi sono i familiari a carico? Le istruzioni per la dichiarazione dei redditi 2024
Chi sono i familiari a carico? Le istruzioni per la dichiarazione dei redditi 2024
Elezioni europee e lavoro: il confronto a Roma il 17 maggio
Elezioni europee e lavoro: il confronto a Roma il 17 maggio
Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

La Finanza Amichevole

Il progetto "La finanza amichevole" nasce da un'idea di Alessandro Fatichi per...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo degli investimenti