Tiscali.it
SEGUICI

Inflazione e tassi in calo: le prospettive per il 2024

di Contenuto sponsorizzato   
Inflazione e tassi in calo: le prospettive per il 2024

La presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, ha annunciato che le stime degli analisti sul previsto taglio dei tassi di interesse da parte della Bce sono troppo ottimiste. In particolar modo, molte previsioni avevano indicato come l’istituto di Francoforte avrebbe potuto iniziare la riduzione dei tassi già nel secondo trimestre, ma le parole del numero uno dell’Eurotower sembrerebbero posticipare questo intervento al secondo semestre 2024.

Eppure alcuni operatori di mercato rimango ottimisti, con JP Morgan che ha anticipato le aspettative sull’inizio dei tagli dei tassi Bce da settembre a giugno, ma prevede comunque che i tagli consecutivi dovrebbero avvenire solo a partire da settembre. D’altronde anche la Fed sta adottando un approccio prudente sulla politica monetaria, soprattutto dopo la crescita del Pil Usa del 4,9% nel terzo trimestre 2023, una strategia che potrebbe essere confermata qualora l’economia statunitense dovesse crescere oltre il 2% nel quarto trimestre.

Oltre allo scenario dei tassi gli investitori guardano con attenzione l’andamento dell’inflazione, infatti dopo l’aumento record degli ultimi anni il 2024 potrebbe essere caratterizzato dalla disinflazione. Secondo l’ultimo bollettino economico di Banca d’Italia, quest’anno l’economia italiana crescerà dello 0,6%, sostanzialmente in linea con lo 0,7% del 2023, mentre l’inflazione in Italia scenderà sotto il 2% entro la fine dell’anno, nello specifico registrando un valore dell’1,9% nel 2024 dal 5,9% dello scorso anno per poi arrivare all’1,7% nel 2026.

I fattori di rischio per gli investitori


Come riportato sul sito meteofinanza, i mercati potrebbero dover affrontare una serie di sfide complesse nel 2024, soprattutto a causa di uno scenario globale confuso e incerto, reso ancor più complicato dalle elezioni presidenziali statunitensi di novembre.

Un fattore di preoccupazione è il momento difficile dell’economia cinese. Il Pil della Cina è cresciuto del 5,2% nel 2023, al di sotto delle attese e al livello più basso degli ultimi decenni, una situazione che potrebbe aggravarsi a causa della crisi immobiliare che sta colpendo il Paese asiatico scatenata dal crollo del gigante Evergrande.

Anche in Europa esistono molte preoccupazioni, in particolar modo dovute alla crisi dell’economia tedesca che potrebbe avere ripercussioni su tutte le economie dell’area euro, soprattutto su quella italiana fortemente legata alla locomotiva d'Europa.

Con una riduzione del Pil dello 0,3% la Germania è entrata in recessione nel 2023, una situazione provocata principalmente dall’indebolimento della domanda interna dovuto all’inflazione, dai tassi elevati che hanno aumentato i costi sostenuti dalle imprese per finanziarsi e dall’incremento dei costi dell’energia causato dagli effetti della guerra in Ucraina.

A tutto ciò bisogna aggiungere i livelli elevati raggiunti dal mercato azionario statunitense nel 2023, specialmente nel comparto tech, livelli che molte società dovranno confermare nel 2024 mostrando di poter realizzare una crescita solida e duratura anche quest’anno. Al contrario, nel vecchio continente molte azioni sono rimaste sottovalutate, offrendo dunque maggiori potenzialità di crescita. Tuttavia bisogna considerare i numerosi fattori di rischio esistenti, come la dipendenza energetica dall’estero della maggior parte dei paesi europei e le conseguenze dell’economia tedesca in difficoltà sul resto dell’UE.

In questo contesto è importante partire dall’analisi fondamentale per definire strategie di investimento sostenibili, il principale strumento a disposizione degli investitori per supportare le proprie scelte finanziarie.

Tra i dati macro da monitorare ci sono il Pil, i consumi, l’inflazione e la fiducia delle imprese e dei consumatori. Questi aspetti influiscono sulle performance economiche e di conseguenza sui prodotti finanziari, quindi un attento utilizzo dell’analisi fondamentale permette di prendere decisioni di investimento più consapevoli e gestire meglio il rischio.

Dove investire i risparmi nel 2024 secondo gli esperti


Capire dove investire nello scenario attuale non è affatto semplice. Da un lato ci sono fattori di rischio come le difficoltà economiche di Germania e Cina, le elezioni negli Usa e le performance, forse eccessive, dell’azionario statunitense.

Allo stesso tempo, non mancano opportunità interessanti e segnali incoraggianti, come il previsto taglio dei tassi da parte di Bce e Fed atteso entro la fine del 2024. Innanzitutto sarà indispensabile che alcuni dati macroeconomici trovino conferma, in particolare per l’inflazione e la crescita.

In secondo luogo sarà importante monitorare alcuni macro trend per definire strategie di investimento di lungo termine efficaci ma prudenti, ad esempio tenendo in considerazione l’ascesa dell’intelligenza artificiale che nel 2024 potrebbe vedere una diffusione senza precedenti e interessare non solo le attività di consumo ma anche quelle di produzione. Sarà cruciale anche tenere d’occhio il mercato dei chip e dell’hardware, entrambi essenziali per lo sviluppo su larga scala delle soluzioni di IA, senza trascurare il trend legato alla transizione ecologica in corso ormai da alcuni anni e pronto ad accelerare nel 2024.

Secondo quanto riferito al Corriere.it da Antonio Cavarero, Head of Investments in Generali Insurance Asset Management, agli investitori è consigliato di mantenere un approccio disciplinato e solido, con un'esposizione equilibrata nel mercato azionario e una componente di titoli tech legati alla rivoluzione dell’intelligenza artificiale, da controbilanciare con una parte obbligazionaria del portafoglio composta dal giusto mix di titoli governativi e corporate.

Questa componente infatti permette di ottenere ancora rendimenti interessanti, spesso più elevati dell’inflazione, inoltre aiuta a bilanciare l’esposizione azionaria che comporta sempre una maggiore volatilità e un livello di rischio più alto.

di Contenuto sponsorizzato   

I più recenti

Suviana, Cattaneo replica a Orlando: Troppa ideologia e strumentalizzazioni su subappalti
Suviana, Cattaneo replica a Orlando: Troppa ideologia e strumentalizzazioni su subappalti
Biogas, Gattoni (CIB): delibera Arera su prezzi minimi garantiti passo importante per il settore
Biogas, Gattoni (CIB): delibera Arera su prezzi minimi garantiti passo importante per il settore
Incidenti stradali mortali, Purcaro (Dekra): Numeri allarmanti. Urge diminuire i rischi sulle strade
Incidenti stradali mortali, Purcaro (Dekra): Numeri allarmanti. Urge diminuire i rischi sulle strade
Insurtech & Intelligenza Artificiale: 50 milioni investiti in AI dalle compagnie in Italia
Insurtech & Intelligenza Artificiale: 50 milioni investiti in AI dalle compagnie in Italia

Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

La Finanza Amichevole

Il progetto "La finanza amichevole" nasce da un'idea di Alessandro Fatichi per...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo degli investimenti