Tiscali.it
SEGUICI

Intelligenza artificiale e lavoro: il 77% delle aziende sceglie l'interazione uomo-macchina. Sfide e opportunità

di Teleborsa   
Intelligenza artificiale e lavoro: il 77% delle aziende sceglie l'interazione uomo-macchina. Sfide e opportunità

(Teleborsa) - Il 77% delle aziende a livello mondiale si sta immergendo con fervore nel vasto panorama dell'IA, con un 35% che ha già adottato le ultime innovazioni, mentre un promettente 42% sta esplorando il suo potenziale per future implementazioni. Lo rivela IBM nel suo Global AI Adoption Index 2022, il report che getta luce sulla marcia trionfale dell'AI nel mondo degli affari.


Il quotidiano delle aziende si sta trasformando sotto l'incalzante avanzata dell'IA che plasma il futuro lavorativo in modo più rapido e profondo di quanto possiamo immaginare. Eppure, restano ancora tanti dubbi sull'applicazione dell'AI, soprattutto rispetto al potenziale impatto sul lavoro umano. Qual è, dunque, la chiave per capitalizzare appieno le opportunità offerte da questa evoluzione tecnologica? "L'AI sta trasformando il modo in cui le aziende operano, decidono e innovano. In questo scenario, la formazione dei manager diventa cruciale per garantire che le aziende non solo sopravvivano ma prosperino", afferma Michele Laurelli docente di Informatica e Intelligenza Artificiale presso l'Istituto Universitario Italiano di Criminologia degli Studi di Vibo Valentia e CEO di Algoretico.

"L'importanza dell'Intelligenza Artificiale nella formazione aziendale non può essere sottovalutata. Non è solo una questione di comprendere le nuove tecnologie, ma di saperle integrare nelle strategie aziendali.

I manager dotati di competenze in AI sono in grado di identificare nuove opportunità, ottimizzare i processi e guidare la trasformazione digitale all'interno delle loro organizzazioni. Nel mondo del business, l'innovazione non è solo una parola d'ordine, è una necessaria evoluzione e l'Intelligenza Artificiale è il fulcro su cui questa evoluzione ruota".

Acquisire competenze mirate si configura come la strategia chiave per integrare in modo consapevole e proficuo questa nuova tecnologia in ambito lavorativo. L'alfabetizzazione in materia di Intelligenza Artificiale, specie in ambito manageriale, diventa quindi imperativo per operare in modo efficace e competitivo. Tanto più considerando l'impatto rivoluzionario che questa tecnologia sta avendo su molti settori vitali dell'economia mondiale, come il marketing, la finanza e le telecomunicazioni.

"L'AI è il futuro del business, investire in formazione e rimanere proattivi sono mosse strategiche per le aziende che desiderano essere all'avanguardia - spiega Laurelli - i manager dotati di competenze in AI sviluppano una mentalità data-driven, acquisiscono la capacità di lavorare a fianco delle macchine intelligenti e di comprendere i principi etici che governano l'uso di questa tecnologia. Possono quindi guidare la trasformazione digitale, ottimizzare i processi e sfruttare i dati per prendere decisioni, preparando così le loro aziende ad essere i leader di domani"

Un approccio olistico si rivela dunque la condizione fondamentale per contestualizzare l'AI nel più ampio tessuto della società e del mercato, essendo, equipaggiati per affrontare sfide come l'automazione dei processi, l'analisi dei big data e la gestione di team ibridi uomo-macchina.

"Attraverso Algoretico ho sviluppato strumenti che rendono l'AI accessibile e praticabile per le aziende - continua Laurelli, sottolineando l'importanza di un'educazione in AI che sia pratica ed etica al tempo stesso - un'adeguata formazione aziendale permette di plasmare nuovi modelli di business, favorire l'innovazione di prodotti e servizi e affrontare con successo le sfide in ambito lavorativo che si stanno creando proprio grazie all'avanzamento dell'IA".

I cambiamenti nelle attuali dinamiche lavorative stanno infatti creando le premesse per la nascita di nuove professioni, soprattutto nel vasto campo della tecnologia. Come conferma l'ultimo rapporto sul futuro dell'occupazione del World Economic Forum: entro il 2027 si prevede un notevole incremento del 40% degli specialisti in intelligenza artificiale, e una crescente richiesta di figure professionali come specialisti di big data e analisti di sicurezza delle informazioni, con la prospettiva di 2,6 milioni di nuovi posti di lavoro solo nel settore informatico.

"L'AI è un pilastro fondamentale per la crescita e la produttività aziendale, che aprirà sempre più le porte a nuove figure professionali e a nuovi mercati, tuttavia, solo attraverso un apprendimento continuo e una visione proattiva, sarà possibile rispondere alle sfide e cogliere, anche per le future generazioni, le infinite possibilità poste da questa nuova tecnologia", conclude l'esperto.


.

di Teleborsa   

I più recenti

Suviana, Cattaneo replica a Orlando: Troppa ideologia e strumentalizzazioni su subappalti
Suviana, Cattaneo replica a Orlando: Troppa ideologia e strumentalizzazioni su subappalti
Biogas, Gattoni (CIB): delibera Arera su prezzi minimi garantiti passo importante per il settore
Biogas, Gattoni (CIB): delibera Arera su prezzi minimi garantiti passo importante per il settore
Incidenti stradali mortali, Purcaro (Dekra): Numeri allarmanti. Urge diminuire i rischi sulle strade
Incidenti stradali mortali, Purcaro (Dekra): Numeri allarmanti. Urge diminuire i rischi sulle strade
Insurtech & Intelligenza Artificiale: 50 milioni investiti in AI dalle compagnie in Italia
Insurtech & Intelligenza Artificiale: 50 milioni investiti in AI dalle compagnie in Italia

Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

La Finanza Amichevole

Il progetto "La finanza amichevole" nasce da un'idea di Alessandro Fatichi per...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo degli investimenti