Tiscali.it
SEGUICI

Fisco, dagli omessi versamenti ai ritardi: addio alle maxi sanzioni, saranno ridotte a un terzo

Con il decreto legislativo sulle sanzioni tributarie, che ha ottenuto il via libera preliminare del consiglio dei ministri, arriva la revisione complessiva del sistema,

TiscaliNews   
Fisco, dagli omessi versamenti ai ritardi: arrivano le nuove sanzioni ispirate ai principi di proporzionalità e offensività
Il viceministro dell'Economia e delle Finanze, Maurizio Leo (S), e il ministro dell'Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, alla presentazione dei risultati raggiunti nel 2023 e delle prospettive future dell'Agenzia delle Entrate e Riscossione - Foto Ansa

Addio maxi sanzioni fino al 240%. Chi commette violazioni in materia di tasse pagherà al massimo il 120% dell'ammontare dovuto. Ma le sanzioni saranno ridotte anche di più, in media ad un terzo. Con il decreto legislativo sulle sanzioni tributarie, che ha ottenuto il via libera preliminare del consiglio dei ministri, arriva la revisione complessiva del sistema, che interviene sia sul fronte amministrativo che su quello penale, con la riduzione delle sanzioni, la revisione dei rapporti tra processo penale e processo tributario e l'introduzione di meccanismi di compensazione tra le sanzioni da irrogare e quelle già irrogate.

"Prosegue senza sosta la rivoluzione fiscale del governo, mirata a costruire un sistema più equo e giusto a vantaggio di cittadini e imprese", sottolinea il viceministro all'Economia Maurizio Leo, che mette a terra nono decreto attuativo della riforma approvata la scorsa estate. L'obiettivo è semplificare il sistema eliminando sovrapposizioni, ma anche rendere più facilmente esigibili i crediti dei contribuenti. Per quanto riguarda in particolare le sanzioni amministrative "verranno ridotte da un quinto a un terzo, avvicinandole ai parametri europei e introducendo un principio di maggiore proporzionalità", spiega.

Sul fronte penale, invece, "verranno adeguate le norme relative alla non punibilità agli indirizzi emersi dalla giurisprudenza, aiutando chi non può pagare per cause di forza maggiore, chi decide comunque di mettersi in regola, anche attraverso la rateizzazione, pagando l'intera imposta, le sanzioni (ridotte) e gli interessi", spiega il viceministro, che assicura: "verranno invece colpiti i comportamenti fraudolenti, simulatori ed omissivi a danno del fisco". Lo Stato infatti, sottolinea, "deve venire incontro ai contribuenti onesti, ma non può e non deve abbassare la guardia nei confronti di coloro che fanno i furbi".

Si volta dunque pagina rispetto ad un sistema che lo stesso Leo ha più volte definito "da esproprio", con sanzioni fino al 240%: ora di fatto non si andrà oltre il 120% del dovuto. Questa sarà la sanzione se non si presenta la dichiarazione dei redditi e dell'Irap o la dichiarazione del sostituto d'imposta. Mentre se si dichiara meno dell'accertato o del dovuto, la sanzione, passa dall'attuale 90-180%, al 70%. Viene però aumentata (anziché della metà, "dalla metà al doppio") in caso di comportamento fraudolento.

Arriva anche la possibilità, per chi ha crediti "non prescritti, certi, liquidi ed esigibili" nei confronti della P.a di compensarli con le somme dovute a titolo sanzioni e interessi per mancati versamenti di imposte sui redditi. Mentre non sarà punito chi corre ai ripari con dichiarazione integrativa e versamento entro 60 giorni, se la violazione è stata causata dall'incertezza della norma. Sul fronte penale, poi, si interviene con particolare riferimento alla revisione dei profili sanzionatori per gli omessi versamenti non reiterati.

Intanto il fisco pianifica le prossime mosse sul fronte della lotta all'evasione. Il nuovo Piano integrato di attività 2024-26 che l'Agenzia delle Entrate non ha ancora pubblicato, si prevedono, secondo quanto anticipato dal Messaggero, per il prossimo triennio almeno 320mila controlli sostanziali l'anno e l'invio di 3 milioni di lettere per invitare i contribuenti a regolare le loro posizioni.

TiscaliNews   

I più recenti

Suviana, Cattaneo replica a Orlando: Troppa ideologia e strumentalizzazioni su subappalti
Suviana, Cattaneo replica a Orlando: Troppa ideologia e strumentalizzazioni su subappalti
Biogas, Gattoni (CIB): delibera Arera su prezzi minimi garantiti passo importante per il settore
Biogas, Gattoni (CIB): delibera Arera su prezzi minimi garantiti passo importante per il settore
Incidenti stradali mortali, Purcaro (Dekra): Numeri allarmanti. Urge diminuire i rischi sulle strade
Incidenti stradali mortali, Purcaro (Dekra): Numeri allarmanti. Urge diminuire i rischi sulle strade
Insurtech & Intelligenza Artificiale: 50 milioni investiti in AI dalle compagnie in Italia
Insurtech & Intelligenza Artificiale: 50 milioni investiti in AI dalle compagnie in Italia

Le Rubriche

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

La Finanza Amichevole

Il progetto "La finanza amichevole" nasce da un'idea di Alessandro Fatichi per...

eNews

Notizie e riflessioni sul mondo degli investimenti